“Autostima, credere in te stessa, promozionarti” non son proprio cose che mi appartengono. Soprattutto in questo mio periodo storico: e che adesso mi va anche bene…

Quando tutto d’un tratto ti cade il mondo addosso, non è mai facile rialzarsi e, nel farlo, non avere conseguenze.

Quasi due anni fa una brutta diagnosi ha colpito la mia famiglia, ci ha buttati tutti in un turbinio maledetto di fronte al quale siamo stati tutti colpiti, feriti, stracciati e buttati qua e là. Sono momenti in cui ti chiedi “ma cos’ho fatto per meritarmi tutto questo e perché tutto questo a me”, ma non c’è risposta. Accade e basta, e proprio quando meno te lo aspetti.

Questa è la vita.

Sono stati momenti duri, di smarrimento, non sai più chi sei, cosa fai, cosa vuoi e cosa no, dove sei e con chi sei. Solo ora mi rendo conto di come non ero in grado di intendere e di volere, di reagire a quello che mi circondava e mi accadeva accettando tutto come qualcosa meno importante e perciò non degna di avere la mia considerazione, facendomi scivolare tutto addosso, vivendo in maniera più passiva che mai, senza saper prendere decisioni, vivendo totalmente dipendente dall’accaduto.

Sono esperienze che incidono indelebili la tua vita, scossoni che ti cambiano per sempre.

Ti fanno vedere la vita da un’altra prospettiva.

Ho sempre dato maggiore attenzione alle persone piuttosto che alle cose, fin da quando ero piccola, ma da questo momento in poi la cosa si è amplificata a dismisura, a volte ansiosamente.

Mi sono accorta che non stavo vivendo più, alla fine di una convention ballerina, giù vicino a Roma, organizzata dal mio mentore. L’anno prima, invece, la facevo ballando e piangendo, cosa che non mi era mai successa in dieci anni di danza, e che mi spaventò molto.

Una volta tornata a casa con questa consapevolezza in più, tutto si fece più chiaro: dovevo riprendere in mano la mia vita. E così è stato.

Durante questo brutto periodo, fortunatamente, ho continuato a ballare (anche se molto meno, e molto male) e ad insegnare. All’epoca terminavo un’esperienza lavorativa per riaprirne un’altra, comunque precaria: tutte esperienze nuove che mi hanno portato a conoscere persone fantastiche, che in seguito mi hanno aperto altre porte, ancora più fantasticamente belle.

Ovvio, la semplicità non è nelle mie corde. Ne sto avendo ancora le ripercussioni di quell’anno maledetto, sarebbe impossibile il contrario.

La vita ti presenta sempre il conto delle tue azioni, o non azioni che siano. E il colpo dev’essere ancora del tutto metabolizzato, anche se adesso va molto meglio, grazie soprattutto all’amore, alla consapevolezza dell’amore nelle piccole cose, nei piccoli gesti, nelle persone che valgono veramente.

Quando ti rimetti in discussione, non è mai facile fare ordine. Quando finalmente arrivi a quest’ordine, è da lì che riparti e prendi coscienza di quella che sei diventata, di cosa vuoi veramente e di quello che non vuoi assolutamente. E le decisioni che prenderai potranno anche non fare felici gli altri, ma a questo punto poco importa perché hai capito chi sei veramente e quali le persone che contano. Il tutto condito dall’amore verso te stessa e verso agli altri.

Qualcuno diceva “Amore porta Amore”.

colori_sanvalentino_blog_elsiazago.com

Non sono ancora del tutto consapevole, ma ho capito che proprio male non sono, che quello che faccio non è poi così malvagio o da meno rispetto altri lavori di altre persone che stimo; che forse, forse lavorare a quattrocento euro non è poi così tanto lavorare ma sfruttamento puro, quasi prostituzione; che mi devo impegnare su me stessa, su quello che so fare per farlo meglio; ho ripreso in mano la creatività, la matita e i colori, ho provato il digitale per attualizzare la mia arte e inserirla nel percorso scolastico e professionale che ho fatto: ho fuso le mie esperienze per qualcosa di nuovo, ho ripreso in mano le mie passioni per farne un lavoro, o almeno spero di riuscirci.

A livello ballerino ho investito tutta me stessa per ricostruire in maniera sana la mia associazione, in cui credo fermamente e dove ci ho sempre creduto, ristabilendone i valori che avevo perso, creando fusioni con persone che stimo, confermando la mia convinzione che le collaborazioni portano solo a cose buone, che unendo le teste si riesce a fare di più, soprattutto quando vige la passione come primo valore. Tutto ciò siamo riuscite a farlo con buoni risultati, ne sono fiera di quello che siamo riuscite a portare a casa.

hiphop_blog_elisazago.com

Quando ho ricominciato ad avere più consapevolezza di me stessa, chiamatasi anche “Amor proprio”, ho capito che ci sono arrivata soltanto affrontando la vita con positività, tanta positività, pensando soprattutto in maniera positiva e non più vedendo solo nero o grigetto, dispensando così anche agli altri tanti sorrisi e amore. Consolidando che “be positive, be free” e che solo la positività ti riporta altra positività.

Alcune persone mi ritengono, e guarda caso me lo sentii dire proprio nel mio periodo più buio, “fonte inesauribile di positività”: mi scaldò il cuore!!

La cosa più bella che mi è stata detta recentemente, invece, è che, se devo essere paragonata a qualcosa, potrei essere simile ad un arcobaleno perché dispenso colori a tutti…. questa me l’ha detta uno che mi ha vicina 365 giorni, o quasi all’anno 😉

Io e te+_blog_elisazago.com

Da qui inizio una nuova vita, al tramonto ormai dei 30 anni, dispensando colori e amore per me stessa, per quello che faccio e, di conseguenza, agli altri.

E questo San Valentino lo brinderò, per la prima volta nella mia vita, a me stessa, all’amore ritrovato per una vita all’insegna di esso, dalla famiglia, al lavoro e di conseguenza a quello che diventerà il mio compagno di lunghe passeggiate future, più o meno tortuose, dopo ormai 10 anni già passati mano nella mano, un terzo della mia vita.

Per l’occasione mi piacerebbe che tutti potessimo diffondere più amore. Quale occasione migliore se non a San Valentino? Vi lascio un biglietto personalizzato per il vostro Valentino/Valentina, per far sentire importante ancor più il vostro amore, perché leggere quello che arriva dal cuore è sempre una grande emozione, e un valore enorme!

Altre versioni le puoi trovare nel mio nuovo negozio su Etsy: asile’s world.

Amore porta amore. Diffondiamolo il più possibile.

Buon San Valentino a tutti gli innamorati della vita!

Questo è il biglietto per il vostro/a Valentino/a. Potete stamparlo su un foglio A4, senza adattamento di stampa, piegarlo a metà e scriverci dentro e consegnarlo.

san valentino_download_elisazago.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Pinterest
  • Tumblr

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close